Storia delle Settimane Sociali dei Cattolici

dal nostro archivio

di Gianfranco Parodi

Per capire cosa sono le “Settimane Sociali dei Cattolici” e conoscerne per sommi capi la storia bisogna risalire ai primi anni del ‘900 e in particolare alla figura di Giuseppe Toniolo. Probabilmente molti lettori, sentendo questo nome, si domanderanno “chi era costui?”, come il don Abbondio di manzoniana memoria.

Giuseppe Toniolo nacque a Treviso nel 1845 e dopo brillanti studi liceali e universitari a soli 22 anni si laureò in Giurisprudenza. Subito dopo la laurea si dedicò all’insegnamento, prima nelle scuole superiori e poi nelle università. In particolare rivestì il ruolo di professore ordinario di Economia Politica nella prestigiosa università di Pisa. Conservò tale incarico fino alla morte che avvenne nel 1918. Fu padre di ben 7 figli. Cattolico convinto, è stato beatificato nel 2012.

I suoi studi lo portarono ad approfondire la questione sociale proprio nel momento in cui la rivoluzione industriale si affermava in Italia con tutto il suo carico di progresso ma anche di sfruttamento delle classi operaie. Convinto assertore del messaggio, per quei tempi rivoluzionario, espresso da Leone XIII nella sua enciclica Rerum Novarum (1891), dedicò ogni sua energia ad approfondire e diffondere la dottrina sociale della chiesa.

Non ebbe incarichi politici (anche perché allora vigeva il principio del “non expedit”, vale a dire il divieto per i cattolici di ricoprire incarichi politici, in conseguenza della presa di Roma da parte dei Savoia nel 1870), ma lavorò intensamente nel settore sociale. Fu tra i fondatori della FUCI (Federazione Universitaria Cattolica Italiana) e collaborò con Padre Gemelli per portare avanti il disegno di costituire una Università Cattolica. Non ebbe la soddisfazione di vedere questo progetto diventare realtà perché la morte lo colse due anni prima della costituzione di tale istituzione.

Tuttavia, l’iniziativa che più gli fu cara fu la “Settimana Sociale dei Cattolici Italiani”. Il primo convegno di studio si tenne a Pistoia nel 1907, e così di seguito negli anni successivi, avendo sede nelle diverse città italiane. I temi approfonditi di anno in anno, furono tutti basati sui problemi dell’economia, sulla tutela sociale e sindacale delle masse di lavoratori, sul ruolo dei cattolici nella società contemporanea. La Prima Guerra Mondiale interruppe forzatamente tali incontri e una interruzione più lunga fu invece decretata dal governo fascista nel 1935. Le Settimane Sociali ripresero dopo la Seconda Guerra Mondiale ma furono nuovamente sospese nel 1970. Lo svolgimento delle Settimane Sociali riprese alla fine degli anni ‘80, a seguito delle sollecitazioni provenienti dal Convegno ecclesiale di Loreto (1985) e con la pubblicazione di una nota pastorale della Conferenza Episcopale Italiana dal titolo “Ripristino e rinnovamento delle Settimane Sociali dei cattolici italiani” (1988).

Il loro svolgimento continua tutt’ora. Non abbiamo qui lo spazio per riportare i titoli degli argomenti di anno in anno trattati,  basta dire che i temi sociali ed economici continuano a essere il “focus” su cui operatori del sociale, esperti e rappresentanti del mondo del lavoro e della società continuano a confrontarsi per elaborare soluzioni corrette e responsabili ai grandi problemi che travagliano la nostra società.

Per approfondire la figura di Toniolo: www.giuseppetoniolo.net – sito ufficiale del Comitato di Beatificazione e Canonizzazione.


da laGuardia n.9/2017

Condividi: