Paura o coraggio. Esce laGuardia n.5/2019

In questo numero

  • Risposte ai lettori – marco granara
  • Editoriale. Madonne “usate”. Occhio, amici! – marco granara
  • Liberazione e repubblica. Meritarle oggi – maria pia bozzo
  • La resistenza si è fatta “intima” (ma non meno decisiva) – enrico quaglia
  • Domenico Fieschi e la sua “salita” – anna gatti, nucci scipilliti
  • Focus. Lavori alla Guardia. Ecco perché non potevamo rimandare
  • Prendere coraggio nonostante le paure – giacomo d’alessandro, vilma solcia, dino de santi
  • L’ultima cena di Leonardo – gianfranco parodi
  • Brigida di Svezia e Caterina da Siena – carlo borasi
  • Ritornano gli “incontri sotto gli alberi”

Abstract

Resistenza oggi. Ne parliamo nel primo servizio. Parola difficile da vivere perché impegnativa da ricordare e da meritare. La Resistenza ci ha regalato la libertà fisica e morale dal nazi-fascismo. 70 anni dopo, tramontano i testimoni, sfumano i contorni, rischia di perdersi persino la certezza del carattere imprescindibile di quella Resistenza per il nostro presente. A cosa dovremmo resistere, oggi, in fondo? Eppure quei valori di pace, libertà, uguaglianza, promozione umana, socialità che maturarono nella sofferenza e nel sacrificio di molti e si fissarono nella Costituzione, oggi possono venire erosi, giorno per giorno, da piccole e grandi ‘desistenze’, arretramenti civili e sociali, decadimenti e dimenticanze personali e d’ambiente che fanno poco rumore, ma non per questo sono meno preoccupanti.

Il secondo servizio è quasi un contraltare al primo. Passare dalla paura al coraggio, per vivere e annunciare un’altra prospettiva. È l’esperienza degli Apostoli tra Pasqua e Pentecoste. Dopo la morte del loro Maestro, la paura li chiude tutti insieme in una stanza. L’apparizione di Gesù li lascia esterrefatti, tanto che per la gioia stentano a credere. Servono 50 giorni e la potenza dello Spirito Santo perché maturino un coraggio irrefrenabile e una vita nuova. Passare (significato della parola ‘pasqua’) dalla paura al coraggio è dunque un messaggio evangelico, capace di entrare in dialogo con tutti.

Le pagine centrali sono dedicate ai lavori di ristrutturazione alla Guardia, avviati con il mese di marzo. Troverete tutto quello che è essenziale sapere per rimanere informati e – se vorrete – aiutarci a sostenere le spese (ingenti e non più rimandabili). Buona lettura!


Condividi: