Nuovi orizzonti. Esce laGuardia n.4/2019

In questo numero

  • Risposte ai lettori – marco granara
  • Editoriale. Smontare e ricostruire – marco granara
  • Fede e impegno civile. Alla ricerca della politica perduta – maria pia bozzo
  • Sinodale e in uscita. Così la Chiesa può incontrare i giovani – nicolò anselmi, giacomo d’alessandro
  • Trasformare la realtà. Con rispetto e dolcezza – carlo borasi
  • Emanuele Brignole, albergatore dei poveri – anna gatti, nucci scipilliti
  • Caro giovane, Cristo vive e ti vuole vivo! – papa francesco
  • Lavori alla Guardia: urgenti e necessari
  • Il vocabolario di Papa Francesco – anna maria carosio
  • Arte sacra. Il duomo di Orvieto – gianfranco parodi
  • Chiara da Assisi, altissima povertà – carlo borasi
  • Cronache dal Santuario

Abstract

Rinnovare l’impegno. È il filo conduttore di questo numero. L’impegno dei cattolici in politica. Ne parliamo nel primo servizio perché sono passati 100 anni dall’appello di don Luigi Sturzo ai ‘liberi e forti’ per un cattolicesimo al servizio della società. Un secolo dopo, l’argomento continua ad essere delicatissimo. Sia perché, chiusa la stagione del partito unico, al cittadino cattolico resta la questione del come, dove, con chi impegnarsi; sia perché la politica viene giudicata – anche da molti cattolici – troppo lontana dall’essere ‘la più alta forma di carità’, secondo la celebre definizione di Papa S. Paolo VI. Nell’incertezza e nel frattempo, la politica nazionale sembra cattolica sempre più in apparenza e in Europa si afferma un patriottismo (anche) cristiano, che tuttavia divide invece di unire.

Il secondo servizio e le pagine centrali (con un’intervista al ‘padre sinodale’ Mons. Nicolò Anselmi, vescovo ausiliare a Genova, ed estratti dalla Esortazione Apostolica di Papa Francesco “Christus vivit) ci parlano dell’impegno della Chiesa verso i giovani. Un impegno “rinnovato”, appunto: basta ricordare, infatti, i grandi santi sociali ed educatori tra Ottocento e Novecento e i movimenti educativi ecclesiali per riconoscere una storia antica, articolata, mai sopita. Oggi tuttavia le mutate circostanze e una crescente disaffezione dei giovani verso la Chiesa hanno richiamato i vescovi non solo ad un Sinodo dedicato ma ad un cammino tutto nuovo, in cui rendere i giovani protagonisti e non meri ricettori di attività.   

Infine: sono partiti ampi lavori di ristrutturazione alla Guardia. Ne diamo annuncio in questo numero mentre nel prossimo leggerete tutti i dettagli tecnici che vi aiuteranno a capire perché e come “partecipare”.  


Condividi: